Italia 2018: calo del fenomeno Ufo

Cosa ci dicono le statistiche degli avvistamenti per l’anno 2018?

Anche in questo inizio del 2018, sono state rese pubbliche le statistiche riguardanti le segnalazioni di avvistamenti ufologici registrati in Italia e pervenuti mediante appositi moduli compilati direttamente da testimoni, al Centro Ufologico Nazionale (CUN), al Centro Italiano Studi Ufologici (CISU) e presso l’Aeronautica Militare Italiana (AM). Sia il CUN che il CISU da molti anni raccolgono (grazie anche al contributo di altre associazioni ufologiche italiane), le svariate segnalazioni ufologiche registrate in territorio nazionale e i risultati mostrati evidenziano anche per il 2017, un andamento negativo sul numero totale delle segnalazioni raccolte. Infatti secondo i dati raccolti dal CUN, le segnalazioni pervenute nel corso dell’anno 2017 ammontano a 110 casi, mentre quelle raccolte dal CISU raggiungono i 113 casi. Questi dati se confrontanti con le statistiche degli anni precedenti, mostrano inequivocabilmente un netto e continuo calo di segnalazioni ufologiche, diminuzioni che hanno origine in cause che purtroppo per mancanza oggettiva di dati e conoscenze reali, possono essere difficilmente ipotizzate. Discorso a parte meriterebbero le statistiche raccolte dall’Aeronautica Militare Italiana, che dal 1979 è ufficialmente l’organo istituzionale preposto nella raccolta di questi dati. Secondo la stessa AM per la prima volta dal 1979, nel corso del 2017 non è stato raccolto e segnalato alcun caso! Se la cosa può sembrare strana, va precisato che da sempre le statistiche raccolte dall’Aeronautica Militare Italiana si differiscono notevolmente in termini di numeri da quelle delle associazioni private. Questo è dovuto principalmente al fatto che normalmente i dati raccolti dall’Aeronautica Militare provengono quasi totalmente da rapporti inoltrati dall’Arma dei Carabinieri e raccolti su segnalazione di privati cittadini, oppure dalle varie Forze Armate Italiane e solo in pochissimi casi, direttamente da segnalazioni di privati cittadini. Questa metodologia di raccolta dati, da come risultato che le segnalazioni raccolte dall’Aeronautica Militare Italiana, raramente superano la decina nel corso di ogni singolo anno. Interessante sarebbe conoscere le eventuali segnalazioni raccolte dall’ENAV, l’ente nazionale che gestisce il traffico aereo civile in Italia, ma ad oggi le segnalazioni inoltrate da piloti civili sono estremamente rare, in quanto in ambito professionale, certe tipologie di rapporti di avvistamento hanno spesso un esito negativo sulla vita professionale di un pilota di volo, mentre per le segnalazioni eventualmente pervenute da parte di piloti della Aeronautica Militare Italiana, queste sembrano essere del tutto assenti già da qualche anno.. .

Articolo scritto dal Gaus per il Giornale dei Misteri.

Fonti: www.centroufologiconazionale.net – www.cisu.org – www.aeronautica.difesa.it